La crema pasticcera è un classico della gastronomia dolce, una preparazione di base utilizzata per comporre molti dessert.

Abbiamo imparato a prepararla durante il corso di specializzazione per operatore delle produzioni alimentari, lavorazione e produzione di pasticceria, pasta e prodotti da forno.

Trovate maggiori informazioni QUI

Oggi vorremmo condividerla con voi, perché pensiamo possa esservi utile conoscerla: stupirete i vostri ospiti con dolci davvero speciali e golosi.

La ricetta di base è molto semplice, vi diamo qui la dose per quattro persone in modo che possiate prepararla a casa e utilizzarla per una cena speciale.

Ingredienti per la crema pasticcera

– 4 uova

– 100 g. di zucchero

– 50 g. di farina

– mezzo litro di latte

– la scorza grattugiata di un limone non trattato, ben lavata

Procedimento per preparare la crema pasticcera

Sgusciate le uova, separate gli albumi (che non serviranno) dai tuorli: mettete questi ultimi in una casseruola smaltata e unite lo zucchero.

Lavorate gli ingredienti con una frusta a mano o uno sbattitore elettrico fino ad ottenere un composto spumoso, quasi bianco, al quale unite la farina setacciata.

Mescolate con un cucchiaio di legno per amalgamare la crema alla farina e unite poco alla volta il latte, versandolo a filo, sempre mescolando.

Una volta incorporato tutto il latte, unite la scorza del limone.

Trasferite la casseruola sul fuoco – o sul piano a induzione – al minimo e iniziate la cottura della crema senza mai smettere di girare.

Il composto inizierà ad addensarsi lentamente: quando la crema arriva a ebollizione, calcolate ancora 3 minuti di cottura e fate in modo che non si attacchi al fondo.

Trascorso questo tempo, togliete la crema dal fuoco ed eliminate le scorze di limone.

Trasferite la crema in una terrina e fatela raffreddare coperta con la pellicola: vi suggeriamo di rimescolarla ripetutamente per evitare che si formi una patina sulla superficie.

Nel caso accadesse, potete renderla omogenea con un frullatore a immersione prima di utilizzarla.

Una volta fredda, la crema è pronta per farcire pasticcini e crostate.

Potete anche gustarla al cucchiaio e preparare un dessert in coppa farcito con biscotti secchi, granella di frutta secca, scaglie di cioccolato.

Questa è la versione classica della crema pasticcera, che può essere arricchita in diversi modi.

Per esempio, potreste aggiungere 100g. di cioccolato fondente dopo la cottura e scioglierlo per preparare una ricca crema al cioccolato, oppure una tazzina di caffè per aromatizzarla.

Ottima anche miscelata alla pasta di pistacchio, un sapore tipicamente siciliano.

A noi piace servirla nelle coppe con pezzetti di frutta fresca di stagione (si sposa con qualsiasi frutto), granella di nocciole e un biscotto secco tipo le lingue di gatto.

La crema pasticcera ha origini francesi: il suo inventore è il cuoco François Massialot, nato nel 1660 a Limoges, che ha cucinato per i principali personaggi illustri del tempo, come cardinali, marchesi e duchi, tra i quali il duca d’Orléans, fratello del Re Sole Luigi XIV.

Troviamo la prima ricetta della crema pasticcera nella sua opera Le Cuisinier Royal et Bourgeois, uno dei primi dizionari gastronomici pubblicato nel 1705.

Gli ingredienti di base sono rimasti sempre gli stessi, anche se oggi troviamo diverse versioni più leggere, senza glutine, senza latticini o vegane.

Diteci: qual è la versione che più vi piace?

Gli allievi dell’Agenzia Formativa di Varese.